Col termine seconde generazioni si indicano i figli di migranti nati nel Paese di residenza dei genitori oppure i bambini arrivati nel dato Paese in età prescolare.
In termini più tecnici, con seconde generazioni si intendono solamente i figli dei migranti nati nel Paese d’arrivo mentre coloro che sono nati nel Paese d’origine ma sono scolarizzati nel Paese di destinazione sono definiti generazione 1.5.
Le terze generazioni sono invece rappresentate da coloro i cui nonni sono migrati nel Paese di residenza della famiglia. Questo tipo di generazione è ancora raro in Italia ma è ampliamente presente in altri Paesi europei come l’Inghilterra, la Francia e la Germania.

Vi sono due questioni principali legate alle seconde generazioni e al dibattito su di esse:
1- la questione della cittadinanza che può essere garantita o meno alla nascita a seconda del tipo di diritto a cui le leggi sulla cittadinanza fanno riferimento. Con jus sanguinis si intende quel tipo di legge sulla cittadinanza (applicata anche in Italia) secondo la quale è cittadino dello Stato che la applica il figlio nato da almeno un genitore che sia già cittadino di quello Stato. Con jus soli si intende il tipo di legge sulla cittadinanza in cui chi nasca entro il territorio dello Stato che la applica ne riceva automaticamente la cittadinanza. Nei Paesi applicanti lo jus sanguinis, il figlio di genitori migranti dovrà aspettare la maggior età per richiedere la cittadinanza dello Stato in cui è nato.
2 – la questione dell’identità che varia da soggetto a soggetto ma che può portare a sentirsi esclusi e rifiutati dalla società maggioritaria. L’identità di una persona è, difatti, il frutto di un bilanciamento tra la sua percezione identitaria personale e quella che la società ha di essa. Ne consegue che una persona, pur sentendosi appartenente alla cultura del Paese in cui è nata, potrebbe essere trattata come straniera e discriminata dalla maggior parte della società.

Potrebbe interessarti anche

Ius sanguinis, ius soli e l’effettiva inclusione delle seconde generazioni