Zingaro è una parola che deriva dal greco atziganoi cioé appartenente ad una setta abitante sul monte Athos e dedita all’omicidio. Gli appartenenti a tale setta abitavano nelle grotte che erano, all’epoca, anche l’abitazione più comune tra i rom greci. Il termine ha perciò una connotazione fortemente negativa ed è basato su una visione errata di tale popolo.

Il termine tzigano, spesso usato come via di mezzo rispetto ai termini zingaro e rom o come maniera per enfatizzare l’esotismo evocato da tale popolo è anch’esso da considerarsi discriminatorio avendo la stessa origini del termine precedentemente citato, cioé zingaro.

Un altro termine dalla connotazione fortemente negativa è la parola inglese gypsy. Essa sta entrando nel vocabolario italiano come “terreno neutro”, via di mezzo per non usare il termine zingaro, percepito come fortemente negativo, senza manifestare simpatia verso i rom usando il nome che essi stessi si sono dati. Il termine gypsy è l’abbreviazione di Egyptian, cioé egiziano. Esso deriva dall’antica credenza che i rom provenissero dall’Egitto. Tale leggenda è fonte di dibattiti tra gli esperti, sia rom che non-rom. Secondo alcuni i primi rom arrivati in Europa dissero di provenire dal Piccolo Egitto riferendosi all’India. All’epoca, infatti, la parte dell’India da cui sembra provengano i rom era stata occupata da sovrani arabi. Altri sostengono che alcuni rom dissero di essere cristiani cacciato dall’Egitto musulmano per avere aiuto e protezione dai sovrani europei.

Il termine gitano appartiene alla serie di termini derivati dal termine latino aegyptianus e quindi dalla credenza sopracitata per la quale i rom proverrebbero dall’Egitto.

Il termine nomade, anch’esso spesso usato per denominare i rom, è incorretto poiché la maggiorparte delle comunità rom è oggigiorno sedentaria. Per ulteriori informazioni in proposito potere vedere la pagina I rom sono nomadi?

A riguardo del dibattito sul nome attribuibile alla popolazione romani potete leggere anche: qual è la differenza tra rom e zingari?